Cerca nel blog

sabato 16 maggio 2015

Trianon di via Muzio Scevola

Esco dall'oblio per postare questo link ad un altro blog,che tratta di musica anni 70,in particolare rock progressivo ma non solo.Il motivo per cui qui lo segnalo è perche si tratta della recensione,postuma,di un disco registrato al Trianon di via Muzio Scevola nel 1975.Vi parteciparono nomi ancora oggi molto noti ed altri quasi dimenticati,Questa che segue è parte della recensione,a seguire il link al post originale presente sul blog "verso la stratosfera".Alla fine della recensione cliccando sul tasto link si puo' scaricare il disco.

"Siamo nel 1975, ed il patron della IT Vincenzo Micocci (si, proprio quello di “Vincenzo io ti ammazzerò”) si fa promotore di un interessante “esperimento politico” (virgolettato in quanto proprio parole sue), ovvero di proporre di domenica mattina ad un prezzo estremamente…..politico concerti di artisti taluni già affermati altri emergenti. La scelta cade sul Teatro Trianon di via Muzio Scevola a Roma, quartiere Appio-Tuscolano, particolarmente decentrato, proprio nell’ottica popolare nella quale si vuol far rientrare la manifestazione, in un periodo che va dal 20 Aprile al 18 Maggio 1975. Alcuni concerti, e ahimè sottolineo SOLO alcuni concerti, saranno registrati con un impianto Revox semi professionale, e successivamente su insistente richiesta da parte dei fans si darà luce a questo doppio LP pubblicato dalla RCA, realizzato dal fratello di Vincenzo, Stefano Micocci, e venduto successivamente ad un prezzo anche questo politico, trattandosi appunto di due vinili (nella mia copia si riesce a leggere 6.500 lire). E così si troveranno sul palco nomi già affermati quali Perigeo, Lucio Dalla, Antonello Venditti, Francesco De Gregori, Tony Esposito, con emergenti che da lì a poco avrebbero avuto successo e calpestato ben altri palcoscenici, come Paolo Conte, Rosalino (già conosciuto come Rosalino Cellamare, per poi divenire il ben più fulvo e famoso Ron), Rino Gaetano che se il destino atroce non ce ne avesse privato così precocemente siamo certi avrebbe avuto ben altre platee, e absolute beginners che sarebbero stati artefici di uno massimo due album per poi sparire nell’oblio : Carmelita Gadaleta, Nicoletta Bauce, Silvia Draghi, Saro Liotta."



Per leggere tutto l'articolo

Link al link per scaricare il disco

3 commenti:

Anonimo ha detto...

Nicoletta Bauce poi fu in concorso a Sanremo '79 con il motivo intitolato "Grande Mago" scritto da lei e da Roberto Colombo (l'autore delle sigle di Beautiful)brano che però non riuscì a guadagnarsi l'accesso alla serata finale. Al giorno d'oggi è professoressa di musica....(sarà andata in pensione...!)


Tramvinicyus

appio-tuscolano ha detto...

Scsua Tramvinicyus (il tuo nome mi ricorda sempre Sid Vicius dei sex pistols,ma non credo sia un tuo omaggio alla di lui deceduta persona...)ma di Roberto Colombo preferisco ricordare le collaborazioni con la Pfm E De Andre nonche la storica sigla di Rai Stereonotte,programma che andava in onda sulle reti della Rai radio negli anni 80,e che per un decennio ha accompagnato le mie notti di lavoro o di svago.

Anonimo ha detto...

Ahahahah be' sì effettivamente Colombo è un musicista-musicista....la sigla de "beautiful" non è che je renda tanto...così ...era la prima cosa che me venivea in mente!!!!! alla next!!!


Tramvinicyus