Cerca nel blog

sabato 4 aprile 2009

Il museo dei giocattoli

Da un blog "amico"importo questo post,relativo al museo della memoria giocosa.Ci troviamo al pigneto, in zona limitrofa quindi.

In via Vincenzo Coronelli 26,nel quartiere Pigneto c'è il museo del giocattolo,o meglio "il museo didattico dei giocattoli"come preferisce chiamarlo Franco Palmieri,scrittore giornalista nonche direttore di questo museo.In esso infatti i giocattoli non sono disposti come singoli oggetti, di una ricca collezione,ma accompagnano il visitatore in un viaggio che è la rappresentazione in miniatura dells storia del novecento negli aspetti minuti del vivere quotidiano, gli interni di case ben piu'ricchi e dettagliati delle odierne case di Barbie, le figurine in latta che ,azionando i meccanismi a molla, riproducono i gesti dei vari mestieri le automobili che forse piu'di altri oggetti con le loro forme ormai desuete ci riportano immediatamente all'epoca in cui furono costruite,e poi i personaggi dello sport come i boxer,i motociclisti.Ci sono poi i giocattoli che sono riproduzioni di oggetti che hanno segnato la storia come il modellino del dirigibile Hindenburg accompagnato da foto che lo ritraggono in volo, dalla riproduzione della stazione dove veniva riparato,oppure il modellino dell'itala che fece l'impresa di andare da Parigi a Pechino nel 1907 .C'è poi una sezione con i giochi che ritraggono i personagi dei fumetti da Supermann a Arcibaldo e Petronilla a ovviamente Topolino ecc.tutto accompagnato da una ricca documentazione di testi dell'epoca o successivi per rendere piu'chiaro il contesto storico in cui quel dato gioco è stato creato.Ed ancora trenini ed un grande plastico ferroviario con mezzi degli anni trenta i libri pop up che aprendosi mostrano in rilievo le figure in essi rappresentate i giochi ispirati ai grandi film il far west i libri di Jules Verne Robinson Crusoe le riproduzioni dei Beatles ed ancora radio e giradischi una ricca collezione di dischi di Jazz d'inizio 900 un teatro (vero) da 50 posti con tanto di pianoforte verticale e tantissimo altro.Merita una visita da parte dei bambini sicuramente ma penso anche da parte dei grandi.Fra l'altro sono gradite le visite di scolaresche o di gruppi .
per informazioni e prenotazioni tel.0621700782





























IL MUSEO DELLA MEMORIA
Il Museo della Memoria Giocosa raccoglie la vasta collezione lasciata in eredità a Lisa e Franco Palmieri da Fritz Billig Hoenigsberg nel 1979. Quando, in seguito all'avvento del Nazismo, Fritz Billig riparò dalla nativa Vienna a New York, riuscì a portare con sé anche i giocattoli che aveva ricevuto da bambino: automi e automobili della Lehman e della Tipp/co, aziende di proprietà di famiglie ebree che vennero requisite dalla Germania hitleriana. Quei giocattoli, con i quali avevano giocato tutti i bambini europei senza distinzione di cultura, di religione o (ma è una brutta parola) di razza, divennero per Fritz Billig il simbolo di un luogo ideale dove tutti i bambini possono essere uguali e con i quali si può dialogare giocando. Motivato da questa spinta ideale, Fritz Billig ha continuato per tutta la sua lunga vita a raccogliere giocattoli. Ora sono in questo Museo, in uno spazio di 308 mq nello storico quartiere del Pigneto-Prenestino-Labicano. La raccolta che comprende giochi e giocattoli prodotti tra il 1920 e il 1960, è rappresentativa della vasta produzione internazionale di giocattoli europei, americani e asiatici. Nel Museo trova spazio anche un Teatro di 60 posti, un'area con tavolini, sedie e angolo bar, una vasta biblioteca tematica oltre a cataloghi e affiches, targhe e oggetti legati al mondo dei giocattoli. Vi è inoltre allestito un grandioso paesaggio ferroviario realizzato nel 1937 di rara suggestione in scala 1/43, 3,2 cm di scartamento rotaia, unico in Italia. Nel Museo è anche esposta una interessante raccolta di materiale illustrativo e pubblicitario sull'automobile.

qui un video