Cerca nel blog

giovedì 3 aprile 2014

Lucio Battisti l'Appiotuscolano il Prenestino etc

Dopo un post impegnativo come il precedente,qualcosa di piu'leggero.Parleremo di Lucio Battisti e della stazione Tuscolana.Come alcuni in zona sanno, il padre di Lucio Battisti,Alfiero Battisti lavorava alla stazione Tuscolana o meglio al dazio presso la stazione Tuscolana e sembra che spesso il figlio lo andasse a trovare sul posto di lavoro,La famiglia Battisti si trasferi a Roma da Poggio Bustone nel 1950 ed andarono ad abitare in via Sondrio 21,subito dopo il ponte Casilino,quartiere Prenestino (per chi volesse approfondire la conoscenza del quartiere Prenestino rimando al gruppo" il prenestino com'era e com'è"cliccando qui ),quindi a due passi dalla stazione Tuscolana. Lucio Battisti frequento' l'istituto Galileo Galilei di via Conte Verde,e credo gia' allora, fine anni 50, esistesse la linea autobus numero 3 che faceva capolinea proprio alla stazione tuscolana e che fermava proprio davanti  l'istituto stesso,in via Conte Verde proseguendo su via Santa Croce in Gerusalemme,via Nola via La spezia Piazza Lodi (quindi a pochi metri da via Sondrio) e poi giu'fino a via Enna piazza Ragusa e la stazione,almeno questo è il percorso che io ricordo dalla fine degli anni 70 fino a quando il capolinea fu'spostato a Termini sul finire degli anni 80,mentre l'altro capolinea,al villagio Olimpico rimase uguale.Della presenza di tale linea e percorso gia'negli anni 50 chiedo conferma a qualche esperto di autobus e tram,magari a Tramvincyus che so' essere lettore del blog.
Via Sondrio 21
Un giovine Lucio Battisti in un officina del Galilei
Il capolinea del 3 in piazza della stazione Tuscolana anni 70 Foto di Mario Kaiblinger
Il 3 alla fermata di piazza Ragusa fine anni 80 primi 90.




Qui di seguito il link alla prima parte di una lunga videointervista ad Alfiero Battisti padre di Lucio nella quale fa'riferimento al suo lavoro al Dazio senza specificare il luogo dove lavorava, ma poco piu' avanti (al minuto 3 e 55 circa) racconta l'episodio di quando ruppe in testa al figlio la chitarra ,chitarra che poi gli ricompro' e specifica che andarono insieme a Piazza Re di Roma da un "canadese"che aveva un negozio di strumenti musicali ,chissa'se qualcuno ne ha memoria.
Per vedere l'intervista ad Alfiero BAttisti clicca qui

Dato che si è parlato della stazione Tuscolana ne approfitto per postare qui delle riprese fatte tra gli anni 70 ed 80, da un appassionato di treni che ha girato tutte gli scali di Roma, riprendendo i treni in transito negli stessi.Ho estrapolato ,ovviamente, solo la parte relativa alla stazione coprotagonista di questo post.
Per chi volesse vedere tutte le immagini di tutta la linea ferroviaria di Roma puo'cliccare qui e seguire  le varie parti del filmato.


7 commenti:

Tramvinicyus due ha detto...

Ooooohhh mi commuovo....sniff sniff è la prima volta che sono nominato come "collaboratore..."!!! Grazie, grazie...allora, cominciamo da capo: Il "nostro caro 3" , tanto per dirla alla Mogol-Battisti, nasce il 16 Novembre 1950, ovviamente su supporto tramviario dalla fusione della linea 3 barrata (Parioli - S. Maria Maggiore) con la linea 14 (dell'epoca non quella attuale, S. Maria Maggiore - Piazza Lodi). Tra il Novembre del 1950 e il Febbraio 1951 l'intera rete (autobus, filobus e tram) fu rivista unificando tratte radiali di tram con tratte diametralmente opposte (abolizione dei capilinea della serie "io arivo, te te ne vai..", S. Maria Maggiore era appunto uno di quelli.) Viene anche ridisegnata la nomenclatura delle linee...(ne parliamo un altro giorno ok?). In questo modo da noi nascono il vecchio "3" (Villaggio Olimpico - Staz. Tuscolana) il 4 (il babbo dell'attuale 360), il 9 (oggi 649) il 18 (un pezzo dell'attuale 673). Come sappiamo tutti, le miopi, grette scelte delle amministrazioni anni '50 e '60 distruggono la quasi totalità della rete tramviaria di Roma, un tempo la seconda più estesa al mondo, dopo quella di Pittsburgh (53 linee), per cui il 23 Gennaio 1960 la 3 e la 4 sono sostituite da bus, lo saranno dal 1963 al '65 anche tutte le altre linee del nostro quartiere (non dimentichiamo anche la "storica" 16 la quale, istituita nel 1932, mantiene a tutt'oggi il record della linea con la più alta percentuale di percorso originale e lo stesso numero).
Il 3 bus ovviamente si adatta al traffico, ai sensi unici che lo disegnano oramai quotidianamente ed i capilinea vengono fissati in Via G. Dal Monte (Piazza Euclide)per quanto riguarda quello nord ed a Villa Fiorelli per quanto riguarda quello opposto, mentre il percorso Piazza Vittorio/S. Giovanni/Viale C. Felice/ S. Croce, viene cambiato in Piazza Vittorio/Conte Verde/ S. Croce. Il 1° Settembre 1961 è l'ora del prolungamento dai Parioli al Villaggio Olimpico (un pò di ritardo rispetto alla celebrazione dei Giochi) e il 3 Gennaio 1966 il capolinea sud si sposta da Villa Fiorelli a Piazza Ragusa (per 2 anni in comune con quello del 16 diventato bus nel settembre 1965).
Il 3 Giugno 1969 il definitivo prolungamento alla Stazione Tuscolana. La foto, scattata da Mario Kaiblinger nel 1973, ci mostra un Fiat 410-A carrozzato sempre dalla Fiat l'anno prima e distribuito in numerose città d'Italia (Palermo, Napoli, Busto Arsizio, Modena, Bari...).
Le vetture di Roma, (le primissime in verde in tinta unita denominato "verde Roma '71", da una proroga alla legge in materia che l'ATAC riuscì ad ottenere quell'anno)furono 182 (ovviamente so anche le matricole...ma vi ho già tediato abbastanza...!).
Con la riforma (assurda ovviamente) dell'Ottobre 1989, che la stampa ribattezzò del "Taglia e cuci al Tuscolano (apertura del terminal di Arco di Travertino) la linea 3 venne di nuovo retrocessa al suo percorso originale fino a Termini (per poi, nel 2000, per questioni di nomenclatura delle linee, essere sostituita dall'attuale 217)e la linea 16 fu costretta alla sua attuale deviazione per Via Alghero/ Via La Spezia (salvo fatto l'ulteriore ritorno in Via Taranto dal 2007 per i lavori del metrò C)


Voster Semper Voster

Tramvinicyus

Studioso e appassionato di Trasporto Pubblico Urbano dal 1982.
Trasporto Pubblico Urbano come primo Social Network della storia.


(Sniff Sniff, ancora grazie...!!!)

Anonimo ha detto...

PS Ho fatto un casino non so se tutto quello che avevo scritto (una divina commedia) s'è salvato....comunque la seconda foto, invece ritrae un Fiat 418 Breda del 1980 (serie 4600-4719 per un totale di 120 vetture).

Tramvinicyus

appio-tuscolano ha detto...

Si è tutto leggibile,grazie per tutte queste informazioni,io che ovviamente come forse si sara'capito sono autoctono ho dei ricordi ,che probabilmente si riferiscono a spostamenti temporanei dei vari capolinea,ad esempio ricordo che per un periodo che non saprei definire(allora ero un bambino)comparve un capolinea mi pare del 16 ma potrebbe anche essere stato il 3 in via Tuscolana laddove c'era la delegazione (prima della nascita della circoscrizione poi municipio, con sede in villa Lazzaroni)cioè davani l'edificio ove ora c'è metroRoma,accanto al deposito ex atac.Ho anche il ricordo di un capolinea in via Pescara ,quasi all'incrocio con via Enna,questo sicuramente duro'pochi giorni.Mi sembra che in via Pescara facesse anche capolinea la linea 16 del tram ma questo negli anni 50 o 60 Grazie ancora.

Tramvinicyus due ha detto...

Grazie a te....come avrai capito io invece sono nato "troppo tardi" e i capilinea del 3 e del 16 per me sono sempre stati rispettivamente a Roma Tuscolana e a Villa Lais (Mostecastrilli).

Quello di Via Pescara per il vero è un binario....misterioso...
forse il capolinea per la manovra a triangolo, immediatamente successiva al primo capolinea del 16 quello cioè all'incrocio con Via Monza (era ancora da edificare la restante parte di Via taranto e decidere se seguire il PR che la voleva far terminare proprio sul fabbricato viaggiatori di Roma Tuscolana, senza Piazza Ragusa quindi, oppure realizzare la piazza, come poi è accaduto); sta di fatto che una volta finita di costruire Piazza ragusa (o meglio gli edifici intorno) si scelse per il capolinea ad anello, senza più svoltare a destra per Via Sanremo attraversare Via Taranto a ritroso fino a raggiungere Via Pescara, quindi ripartire svoltando a destra per Via taranto verso S. Giovanni.
Comunque :
A) Via Taranto è splendida!
B) Sentiamoci qui, sempre su Appio-Tuscolano Channel!
C) Sei un mito, alla prossima...

bla78 ha detto...

E' iniziato il Campionato dei Cantautori! Su TraKs si vota tutto il giorno per la prima sfida: Lucio Battisti contro Pierangelo Bertoli... Si può votare tutte le volte che si vuole: http://wp.me/p3KfqT-w0

mirella 1952 ha detto...

che dire? i ricordi belli e brutti tornano in mente, sono cresciuta nel palazzo dei tranvieri a via Monza e via la spezia, ricordo che c'era il marciapiede enorme senza posteggi auto dove noi bimbi giocavamo a campana, a ruba bandiera ed altri, stavamo in strada tranquillamente e le mamme ci chiamavano per cena: in via Monza passava il 9 ed il tranvetto che arrivava a cinecittà ed aspettavamo la festa di san giovanni per aggirarci tra le varie bancarelle e sulle macchine a scontro aspettando i fuochi d'artificio e poi si tornava a casa contenti e soddisfatti.Tornerei volentieri indietro più poveri ma più felici. Questa zona ha visto tutta la mia adolescenza fino ad oggi e rimarrà sempre nel mio cuore

roby ha detto...

fantastica esposizione per me che sono nato in via Orvieto al 48 Governatorato) ed il 16 il 3 il 9 il tranvetto e l'85 erano i mezzi per andare ovunque.......GRAZIEEEEEEE

per Mirella1952,
essendo tu 4 anni più grande di me?....e femminuccia erano questi i giochi io a pallone appena lavavano il mercato!!!come giustamente dici, rimarrà sempre nella mia mente e nel mio cuore